Bolzano dice basta all’amianto dalle abitazioni

La Provincia di Bolzano sostiene con appositi contributi i cittadini che eseguono lavori per rimuovere dalle loro case materiali contenenti amianto. I criteri per la concessione dei contributi per la rimozione e lo smaltimento di amianto dagli edifici ad uso abitativo sono stati approvati dalla Giunta provinciale su proposta dell’assessore all’edilizia abitativa, Christian Tommasini, e i dispositivi applicativi sono appena entrati in vigore.

"Intendiamo incentivare la rimozione e lo smaltimento di amianto perché ne va della salute dei cittadini", afferma Christian Tommasini. In Italia la vendita e l'utilizzo dell'amianto è proibita dal 1992, in Alto Adige i materiali con presenza di amianto maggiormente utilizzati erano quelli per costruire i tetti, la classica ondulina o le placche quadrate, ma anche i parapetti dei balconi, la copertura dei tubi degli impianti termici, pavimenti in vinil-amianto, e materiali di isolamento. Se usurati o manipolati, tali materiali possono liberare nell’aria le fibre di amianto in essi contenute che, qualora respirate, possono compromettere la salute.

"Sono circa 350 gli edifici in Alto Adige sui cui dovrebbero essere eseguiti interventi di rimozione e smaltimento di amianto, per una superficie complessiva attorno ai 67.000 metri quadri", fa presente Georg Pichler, direttore dell’Ufficio aria e rumore. L’Agenzia provinciale per l’ambiente, nel 2011, ha eseguito una mappatura del territorio, e all’epoca erano stati registrati ancora 1.400 elementi con presenza di amianto (fra tetti, camini, tubazioni, pavimenti), dei quali nel frattempo ne sono stati risanati 480. Tra il 2012 e il 2014 le aziende avevano potuto avvalersi di un intervento di sostegno straordinario per lo smantellamento e lo smaltimento di amianto, mentre ora tocca ai privati.

I criteri per i contributi
Il contributo viene concesso per gli interventi di rimozione e smaltimento di materiali contenenti amianto da edifici esistenti a uso abitativo in proprietà di privati situati sul territorio provinciale. Tali lavori devono essere pagati dopo la presentazione della domanda, non sono agevolabili, invece, eventuali ulteriori interventi necessari a seguito della rimozione e dello smaltimento. La rimozione deve essere effettuata da un’impresa iscritta all'Albo nazionale gestori ambientali (ANGA), il contributo è concesso nella misura del 70% della spesa ammessa e va da un minimo di 500 euro ad un massimo di 10.000 euro. La domanda deve essere presentata, su apposito moduloscaricabile dalla pagina web dell’edilizia abitativa, all’Ufficio tecnico provinciale dell’edilizia agevolata prima di aver sostenuto le relative spese ed entro il 21 novembre 2018. A breve partirà una campagna di sensibilizzazione a cura dell’Agenzia provinciale per l’ambiente, con uno spot radiofonico che sarà diffuso in giugno sulle emittenti locali in lingua italiana e tedesca e sul canale Soundcloud della Provincia di Bolzano.