Confappi contraria all’attuale fascicolo del fabbricato

Per Confappi (Confederazione della Piccola Proprietà Immobiliare), il Fascicolo del fabbricato, così com'è stato pensato fino ad oggi, “non è affatto utile, al contrario rappresenta l'ennesima spesa a carico dei proprietari”. Lo ha detto il presidente di Silvio Rezzonico, dopo il dibattitto sul Fascicolo del fabbricato, in seguito al crollo della palazzina a Torre Annunziata, in Campania, che ha causato otto vittime. "In questi ultimi giorni - ha proseguito Rezzonico - il ministro Delrio ha parlato di istituire l'obbligo di un certificato di stabilità; potrebbe anche essere una buona idea, ma a patto che sia una cosa seria e mirata".

Nel 2003 la Corte Costituzionale ha già dichiarato incostituzionali le leggi regionali di Campania e Lazio, che istituivano il libretto del fabbricato. Rezzonico osserva come "sia farlocco un fascicolo del fabbricato con i prezzi ridicoli e le caratteristiche prospettate dai fautori dell'iniziativa. Il libretto sarebbe del tutto inadeguato a garantire la sicurezza e l'incolumità pubblica e gioverebbe solo a procacciare lavoro a professionisti poco professionali, che lavorerebbero a prezzi stracciati in una materia di accertamenti complessi e difficili".

In attesa, quindi, che si trovi una soluzione concreta e realmente utile, secondo Confappi, occorre responsabilizzare maggiormente gli amministratori di condominio in tema di sicurezza delle parti comuni dell'edificio. Per i titolari di proprietà individuali, invece, a fronte di fondati sospetti di pericolosità, il consiglio di Confappi è quello di incaricare esperti professionisti, affidando loro compiti specifici e mirati, pur se con costi elevati, che potrebbero anche essere coperti da assicurazione. Il tutto - conclude Rezzonico - con una defiscalizzazione spalmata in un arco di tempo pari a cinque anni.