Confedertecnica: urge un’authority per la manutenzione del territorio

“Siamo stanchi del dramma quotidiano e delle campane a morto - dichiara il Presidente di Confedertecnica, Calogero Lo Castro -. L’ennesima tragedia annunciata, quella del ponte crollato sulla A14 nelle Marche, era scritta in un destino tristemente preannunciato e purtroppo niente affatto scongiurato per il futuro”.

“Confedertecnica da anni ormai - riprende Lo Castro - chiede a gran voce una inversione di marcia: deve esistere un calendario regolare di manutenzioni da eseguire, la politica non può improvvisare sulla sicurezza dei cittadini, devono esistere lavori di manutenzione calendarizzati, programmati e coordinati da una Autorità nazionale della sicurezza del territorio, non assoggettata all’instabilità politica”.

“Immaginiamo un organismo di vigilanza permanente e capillarmente presente, coordinato con Anas e Ministero dei Lavori Pubblici, capace di fare cabina di regia anche con le Prefetture, per assicurare al territorio la continuità e la stabilizzazione di una lunga serie di interventi urgenti, non più procrastinabili”, conclude il Presidente di Confedertecnica.