I bonus per le ristrutturazioni trainano la ripresa. +13,9% nel 2016

Mentre prosegue la risalita della fiducia delle imprese delle Costruzioni (a febbraio 2017 l’indice di fiducia è invariato rispetto al mese precedente e superiore del 3,9% rispetto allo stesso mese del 2016), la produzione registra ancora, seppur limitata, una flessione (-0,3% al netto degli effetti di calendario), pur segnando il migliore risultato dal 2007. In Europa la ripresa è robusta: la produzione è in crescita dell’1,6% nell’Euro zona; fa peggio dell’Italia la Francia, dove si registra una flessione della produzione delle Costruzioni dello 0,5%; all’opposto cresce la produzione delle Costruzioni in Spagna (+5,1%), Regno Unito (1,6%) e Germania (+1,0%).

La strada del recupero è lunga: a dicembre 2016 la produzione risulta quasi dimezzata (-42,6%) rispetto al livello che aveva a luglio 2008, il mese di massimo pre crisi, diminuzione due volte e mezzo maggiore rispetto al calo registrato dal Manifatturiero (-16,7%) nello stesso periodo.

Con elevata probabilità il trend della produzione dell’edilizia si sarebbe collocato in territorio positivo se non si fossero registrate incertezze e rallentamenti nelle procedure derivanti dalla adozione dal 19 aprile del 2016 del nuovo Codice degli appalti. L’analisi dei report dell’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) evidenzia che, tra il 19 aprile ed il 30 giugno 2016, gli appalti di lavori pubblici hanno registrato rispetto allo stesso periodo del 2015 un calo del 52,5% in termini di numerosità e del 61,8% in termini di importo. Nel periodo antecedente l’introduzione del nuovo Codice degli appalti (1 gennaio 2016-18 aprile 2016) il calo era del 33% e questo intensificarsi della flessione, in gran parte riconducibile a problemi applicativi della normativa, vale 1.128 milioni di euro di minori lavori pubblici in appalto in soli 72 giorni.

Sono in cantiere modifiche al codice: recentemente l’ANAC ha segnalato a Governo e Parlamento modifiche condivise e promosse anche da ANAEPA-Confartigianato Edilizia in merito agli organismi di attestazione, al rating di impresa ed al rating di legalità come criterio premiale per la valutazione delle offerte. La complessità della nuova normativa si inserisce in un contesto in cui è evidente che “...la struttura della domanda non sia particolarmente favorevole alla partecipazione delle piccole e medie imprese (PMI) al mercato degli appalti pubblici” (Relazione annuale ANAC, pag. 171).

Sulla domanda nelle Costruzioni stanno agendo positivamente le politiche di incentivazione degli interventi per ristrutturazioni e per il risparmio energetico, che (anche grazie all’azione di Confartigianato) sono state recentemente confermate e prorogate dalla legge di bilancio 2017.
A gennaio 2017, il 13,4% dei cittadini è intenzionato ad effettuare manutenzione straordinaria dell’abitazione nei successivi dodici mesi e nel dettaglio il 3,3% lo ritiene certo ed il 10,1% lo ritiene probabile: correggendo quest’ultima quota del campione con una probabilità del 50%, si stima una quota di consumatori orientata ad effettuare manutenzione straordinaria dell’abitazione pari all’8,4%.

Nei primi undici mesi del 2016 torna a crescere (+13,9%) la spesa sostenuta da incentivi per le ristrutturazioni dopo la flessione osservata nello stesso periodo del 2015 (-14,0%). Sulla base del trend nei primi undici mesi dell’anno, si stima per il 2016 una spesa incentivata pari a 28.207 milioni di euro con un aumento di 3.439 milioni rispetto al 2015.
Un’analisi approfondita del settore è contenuta nel report “Check point per il settore Edilizia” presentato all’ultima Assemblea di ANAEPA-Confartigianato.