L’Ance presenta l’Osservatorio sulle costruzioni di luglio

Praticamente fermi gli investimenti in costruzioni anche nel 2017 (+0,2%). E’ il dato emerso nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’Osservatorio Congiunturale Ance di luglio. Una situazione di stallo, in controtendenza con l'andamento dell'economia in generale, che, come ha dichiarato il presidente dell’Ance Giuliano Campana, “ha costretto l’Associazione a rivedere al ribasso le stime sull’andamento del settore”. Lo studio è stato introdotto dal Vicepresidente Rudy Girardi ed illustrato dal Direttore del Centro Studi Ance, Flavio Monosilio.

L’Osservatorio, come detto, evidenzia come per l’economia italiana si va consolidando la ripresa, con previsioni superiori alle attese. Per il settore delle costruzioni, invece, stremato da una crisi decennale, ancora non si riescono a scorgere segnali di cambiamento.

I dati lo dimostrano: a gennaio la previsione era di una crescita degli investimenti in costruzioni dello 0,8% per il 2017, oggi la stima è solo di +0,2%. Si tratta di un aumento trascurabile, del tutto insufficiente a creare le condizioni di effettiva ripresa per un settore che ha visto dal 2008 ridurre del 36,4% i propri livelli produttivi.

Il 2018 potrebbe essere l’anno di svolta per il settore delle costruzioni anche grazie agli effetti derivanti dalle misure previste dalla Legge di bilancio 2017. La previsione per il prossimo anno è di un aumento degli investimenti in costruzioni dell’1,5% in termini reali.

Alla conferenza stampa sono intervenuti i Vicepresidenti Edoardo Bianchi, per le opere pubbliche, Filippo Delle Piane, per il mercato privato, e Vincenzo Di Nardo, per il PPP, per offrire il punto di vista dell’Ance su alcuni dei nodi centrali per il settore e avanzare proposte che possano concretamente avviare la ripresa delle costruzioni. I lavori sono stati conclusi dal Presidente Giuliano Campana, che si è soffermato in particolare, su quanto la leva fiscale possa rappresentare un elemento importante anche per promuovere operazioni complesse di rigenerazione urbana.

Clicca qui per scaricare l’Osservatorio.