Le energie rinnovabili rappresenteranno un quinto della capacità totale installata entro il 2030


Si stima che la capacità totaledelle rinnovabili raggiungerà i 2.055 GW entro il 2030, crescendo ad un tasso annuale dell’8,2% tra il 2013 e il 2030. Tuttavia l’energia termica continuerà ad essere la fonte dominante nel prossimo futuro, secondo le ultime previsioni dell’azienda di ricerca e consulenza GlobalData.

Il nuovo rapporto dichiara che sebbene i paesi si stiano muovendo verso risorse alternative, ci si aspetta che la capacità del termico aumenti dai 3.628 GW del 2013 a 5.833 GW nel 2030, ad un tasso di crescita del 2,8%.
Inoltre, c’è stato un fore aumento nella produzione di gas, guidato anche dalla scoperta di nuove riserve il Stati Uniti e Canada. Secondo il rapporto di GlobalData, ci si aspetta che la capacità dei gas naturali cresca da circa 1.416 GW del 2012 a 1.861 GW del 2020, ad un tasso ddel 3,5%.

Sayani Roy Nath, ananlista di GlobalData che si occupa di energia, afferma: “l’aumento dell’utilizzo di gas come fonte di energia ha influenzato positivamente il settore dell’energia in tutto il mondo. Questa scoperta ha aiutato a ridurre la dipendenza di molti paesi dagli importi, ma ha promosso anche progetti di finanziamenti. Questo è avvenuto grazie al fatto che molti paesi si sono spostati dal carbone al gas naturale come fonte di energia, e ciò ha richiesto finanziamenti per supportare lo sviluppo di impianti adeguati a questo tipo di energia”
.

Per trasmettere l’energia prodotta, i paesi stanno investendo anche in tecnologie smart grid. Nel 2012, la spesa globale in smart grids ha raggiunto 13,9 miliardi di dollari, con Stati Uuniti e Cina ai primi posti per il numero di installazioni. Ad ogni modo, il furto di energia continua ad essere un problema grave, che minaccia lo sviluppo del settore energetico in molti paesi.

“C’è urgente necessità di aggiornare le infrastrutture attuali e di introdurre un’integrazione efficiente di domanda e offerta di energia, dato che la crescita delle fonti di energia rinnovabili e le preoccupazioni riguardo l’efficienza energetica sono molto forti” ha concluso Nath.