1. Home
  2. Notizie e Mercato
  3. Antisismica: possibile un grande piano per l’Appennino?

Antisismica: possibile un grande piano per l’Appennino?

Sicurezza e Sistemi di Protezione di
Antisismica: possibile un grande piano per l’Appennino?
5/5
votato da 1 persone
Il problema andrebbe affrontato in maniera sistematica. Vediamo cosa propone Enrico Rossi, Governatore della Regione Toscana il cui territorio è particolarmente coinvolto

La dorsale appenninica caratterizza la nostra Penisola, percorrendone gran parte della lunghezza. La sua instabilità sismica, però, rappresenta un problema che andrebbe affrontato in maniera sistematica. Come? Ecco la proposta di Enrico Rossi, Governatore della Regione Toscana.

"Io penso che il Governo nazionale dovrebbe lavorare a un grande piano per l'Appennino, un po’ sul modello di quello che abbiamo messo in campo per quanto riguarda le alluvioni".

La soluzione del Governatore Rossi

"Non si tratta di andare a investire in un anno cento miliardi - prosegue Rossi -. Si tratta ogni anno di investire magari un miliardo e consentire di mettere in sicurezza l'Appennino. Ci sarebbero da fare tante cose: la sicurezza del rischio sismico anche per le abitazioni private, aiutando i privati a intervenire; la sicurezza di tutti gli edifici pubblici; la sicurezza dell'assetto idrogeologico dell'Appennino, prendete una cartina d'Italia e vedete che l'Appennino ha un'importanza decisiva”.

"Non si può vivere nella paura: è una grande sfida anche questa, come quella dei cambiamenti ambientali. Si può vincere: bisogna avere la forza di fare delle scelte decisive e coerenti, e poi di comportarsi in maniera adeguata".