Come scegliere la pompa di calore ideale per la nostra casa?

Una ricerca Eurostat conferma la sempre maggior preoccupazione degli italiani verso il risparmio nei costi dell’abitazione. Che orientarsi sulle rinnovabili sia una tendenza dettata più da fattori economici che da scelte etiche si sa, ma è indicativo sottolineare come nel 2018 ci sia stato un aumento delle richieste di installazione di sistemi di riscaldamento più efficienti del 17,3%. Ne è testimone il numero di preventivi registrati dal portale Habitissimo che ha confrontato i dettagli delle richieste di “installazione riscaldamento efficiente” confrontandole con l’anno precedente. Da notare come queste richieste si concentrino maggiormente al Nord e al Centro rispetto al Sud, quest’ultimo ancora fedele ai sistemi di riscaldamento più convenzionali. Ma cosa si intende quando si parla di riscaldamento efficiente?

Un esempio ne è la pompa di calore, un tipo di riscaldamento dotato di tecnologia ecologica ed economicamente conveniente per riscaldare la propria casa. Il suo funzionamento si basa sulla termodinamica, ovvero trasporta energia sotto forma di calore da un ambiente all’altro mantenendo calda l’intera abitazione.

Esistono vari tipi di pompa di calore, ma quale scegliere?

La più economica e utilizzata è senza dubbio la pompa di calore aria-aria anche se, essendo collegata alla rete elettrica, il suo costo energetico è piuttosto elevato. Come si può vedere in molte case questa tipologia è lo split dell'aria condizionata. Tutti i condizionatori infatti hanno l'opzione "aria calda” per l'inverno. Dato che si limita a climatizzare, non può però essere collegata ai caloriferi o utilizzata per scaldare l'acqua calda.

Tra le tipologie in grado di offrire risparmio energetico (fino al 70%) si trova l’opzione aria-acqua, che trasmette al circuito di riscaldamento dell’abitazione l'energia recuperata dall’ambiente esterno. Il costo della posa è più elevato dell’opzione aria-aria, ma il risparmio energetico permette di recuperare l’investimento in un breve periodo di tempo.

Un’altra opzione particolarmente efficiente dal punto di vista energetico è la pompa di calore geotermica, che funziona come le pompe di calore classiche, con l'unica differenza che sfrutta il calore naturale della terra, che ne è sorgente gratuita e rinnovabile. Per fare questo utilizza energia elettrica, ma in quantità estremamente minore rispetto al calore prodotto. Anche in questo caso la posa è costosa ma il risparmio energetico considerevole.

Meno utilizzate rispetto agli altri modelli, le pompe di calore acqua-acqua, tra i modelli in assoluto più efficienti. Questo modello sfrutta l’acqua che si trova nel sottosuolo per creare energia. La temperatura dell’acqua sotterranea infatti si mantiene ad una certa temperatura anche nei periodi più rigidi e questo permette alla pompa di mettersi in moto.