1. Home
  2. Notizie e Mercato
  3. Dall’Inail un concorso per la sicurezza nei cantieri

Dall’Inail un concorso per la sicurezza nei cantieri

Sicurezza di
Dall’Inail un concorso per la sicurezza nei cantieri
0/5
votato da 0 persone
Troppo spesso i cantieri edili riservano insidie per chi vi opera. Per questo Inail e Gruppo Tecnico interregionale per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro hanno ideato un concorso

Gli infortuni sul luogo di lavoro sono una piaga da combattere con tutte le proprie forze. I cantieri edili necessitano una particolare attenzione. Troppo spesso riservano insidie per chi vi opera quotidianamente.

Inail e Gruppo tecnico interregionale per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro, in collaborazione con il Consiglio nazionale degli ingegneri (Cni) e la Rete delle professioni tecniche (Rpt), hanno organizzato la prima edizione del concorso nazionale “Archivio delle buone pratiche per la salute e sicurezza sul lavoro nei cantieri temporanei o mobili”, il cui bando è stato pubblicato recentemente sui siti degli enti promotori.

Come funziona il concorso?

Il concorso intende creare un archivio facilmente consultabile di buone pratiche per la prevenzione degli infortuni nei cantieri, in grado di favorire la diffusione di soluzioni innovative volte a garantire la sicurezza dei lavoratori. Possono partecipare le imprese del settore edilizio, i coordinatori per la sicurezza nei cantieri e gli enti pubblici: a partire dal 22 luglio, fino al 22 novembre 2019, sarà attiva sul sito dell’Inail la procedura online per partecipare alla selezione, articolata in tre fasi da eseguire in un’unica sessione.

Il bando è inserito tra le azioni di sensibilizzazione previste dal Piano nazionale prevenzione in edilizia 2014-2018, prorogato al 2019, coordinato dalle Regioni Sicilia e Toscana, da realizzare ai sensi dell’Accordo quadro stipulato nel 2015 tra l’Inail, la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e il Ministero della Salute. L’obiettivo è la valorizzazione delle buone pratiche tecniche, organizzative e procedurali che si distinguono per originalità, replicabilità, efficacia prevenzionale e fattibilità economica.

Un Comitato tecnico-scientifico valuterà le proposte pervenute per individuare i finalisti da sottoporre alla giuria, composta da rappresentanti degli enti promotori ed eventualmente integrata da esponenti del mondo imprenditoriale, istituzionale e accademico. Per ogni categoria saranno premiate le prime tre buone pratiche ritenute migliori, che saranno presentate nel corso delle giornate della sicurezza in edilizia organizzate da Inail e Regioni e potranno essere pubblicate su riviste di settore.

La cerimonia di premiazione avverrà a Roma, nel corso di una giornata dedicata al tema della prevenzione in edilizia. Gli elaborati premiati potranno essere trasmessi alla Commissione consultiva permanente per la salute e la sicurezza sul lavoro per la procedura di validazione come “Buone Prassi”. Tutti i lavori riconosciuti di interesse concorreranno, comunque, alla creazione dell’archivio.

Le informazioni relative al concorso sono consultabili sui siti dell’Inail, delle Regioni e del Consiglio nazionale degli ingegneri.