1. Home
  2. Notizie e Mercato
  3. I costruttori sul Decreto Fiscale: “Ora o mai più”

I costruttori sul Decreto Fiscale: “Ora o mai più”

Edilizia di
I costruttori sul Decreto Fiscale: “Ora o mai più”
5/5
votato da 1 persone
Il tema caldo è il versamento delle ritenute sugli appalti che rischia di mandare in tilt le imprese, tra nuovi adempimenti e oneri finanziari. Ecco la denuncia di Confindustria e Ance

Le imprese di costruzione italiane hanno lanciato un allarme che, finora, non è stato recepito. A suscitare questa reazione è il Decreto Fiscale e in particolare il suo articolo 4. Vediamo in cosa consiste e cosa chiedono i costruttori.

Il tema caldo è il versamento delle ritenute sugli appalti che rischia di mandare in tilt le imprese, tra nuovi adempimenti e oneri finanziari. A denunciarlo è la Confindustria insieme all’Ance, Associazione nazionale costruttori edili.

Le 4 grandi criticità della norma

Seppure l’emendamento approvato restringa la platea delle imprese cui si applica la norma, la disciplina continua a presentare 4 evidenti profili di criticità:

1. rischia di mettere a repentaglio la liquidità delle imprese,poiché non è loro consentito compensare le ritenute da versare con altri debiti tributari e contributivi;  

2. restano a carico dei committenti oneri di controllo sproporzionati;

3. è stato del tutto ignorato l'impatto, in termini di adattamento dei processi gestionali, che le nuove disposizioni, applicabili anche ai contratti in essere, generano sulle imprese;

4. resta l’obbligo del versamento delle ritenute per singolo contratto o cantiere: una norma inapplicabile per il settore dell’edilizia, caratterizzato, tra l’altro, da una continua mobilità della manodopera anche nel corso della stessa giornata.

Quali sono i correttivi indispensabili?

E’ necessario, quindi, che in occasione del successivo iter parlamentare vengano introdotti alcuni indispensabili correttivi: rendere possibile la compensazione delle ritenute con i crediti fiscali; eliminare l’obbligo di F24 per singolo contratto e procrastinare l'entrata in vigoredelle disposizioni al secondo semestre del 2020, con applicazione solo ai nuovi contratti stipulati a decorrere dal prossimo 1 gennaio.