1. Home
  2. Notizie e Mercato
  3. Il tirbuto dell’Ance all'imprenditore che ha denunciato il malaffare

Il tirbuto dell’Ance all'imprenditore che ha denunciato il malaffare

Edilizia di
Il tirbuto dell’Ance all'imprenditore che ha denunciato il malaffare
0/5
votato da 0 persone
L’ultimo Consiglio Nazionale dell’Associazione Nazionale dei Costruttori Edili, riunito a Roma, s’è aperto con la testimonianza di Gaetano Debole

Chi denuncia la corruzione e l’illegalità va tutelato e premiato. Per questo l’Ance, Associazione Nazionale dei Costruttori Edili, ha voluto rendere omaggio a Gaetano Debole, consigliere di Ance Enna, che ha denunciato il malaffare che era in atto al Provveditorato di opere pubbliche di Palermo, contribuendo a far emergere il sistema corruttivo.

L’ultimo Consiglio Nazionale dell’Ance, riunito a Roma, si è aperto con la sua testimonianza. Di fronte alla platea dei colleghi imprenditori, Debole ha ringraziato l’Ance e il Presidente Buia per la “vicinanza e la solidarietà dimostrate a seguito dei fatti di cui sono stato vittima” e ha lanciato un appello affinché il suo esempio sia seguito da tutti.

L’omaggio del presidente Buia

Il Presidente Buia ha sottolineato: “Il gesto di coraggio del nostro collega dimostra ancora una volta che il sistema è fatto da persone oneste che meritano rispetto. A Debole dobbiamo tanto perché ha messo in gioco se stesso per la categoria e la difesa della legalità. L’Associazione è fortemente impegnata al fianco delle istituzioni e degli imprenditori per combattere corruzione e malaffare”.