L’Umbria investe ancora per l’efficienza degli edifici pubblici

Un ulteriore finanziamento è stato assegnato dalla Giunta regionale umbra, su proposta dell’assessore all’ambiente, Fernanda Cecchini, per far fronte agli interventi di efficientamento energetico su edifici di proprietà pubblica e destinati ad uso pubblico, “per l’inderogabile esigenza di dare piena attuazione alla programmazione comunitaria prevista nell’Asse IV “Energia sostenibile” del POR FESR 2014-2020, e favorire la massima partecipazione, pur tenendo conto della non omogeneità del patrimonio pubblico, sia per dimensioni che per prestazioni e fabbisogni energetici, dei possibili enti pubblici beneficiari proprietari”.

“La Regione - ha affermato l’assessore Fernanda Cecchini - nel 2017 aveva disposto l’attivazione di un bando per il finanziamento di questo tipo di interventi. Questo bando aveva individuato tre categorie di intervento finanziabili, quali l’efficientamento energetico di piccole dimensioni (interventi il cui costo complessivo è compreso tra 50.000 e 250.000 euro), l’efficientamento energetico di medie e grandi dimensioni (interventi il cui costo complessivo è superiore a 250.000 euro) e la trasformazione di edifici esistenti in edifici ad energia quasi zero”.

Al bando, che prevedeva l’accesso ai finanziamenti sulla base di graduatorie di merito, hanno presentato istanza di partecipazione 64 Enti pubblici, per 115 interventi, il cui costo complessivo ammonta ad oltre 41 milioni di euro. A fronte della dotazione finanziaria disponibile, ad oggi risultano finanziati, per un importo complessivamente concesso pari a 10.207.205,48 euro, 31 interventi di cui 22 di piccole dimensioni, 6 di medio - grandi dimensioni e 3 per edifici ad energia quasi zero.

“Nell’ottica di ottimizzare l’impiego delle risorse comunitarie, agevolando l’orientamento ai risultati e favorendo l’attivazione di interventi di immediata cantierabilità in grado di produrre spesa rendicontabile in tempi rapidi - ha sottolineato l’assessore -, ora abbiamo riscontrato la disponibilità di risorse pari 6.277.548,44 euro che abbiamo ritenuto necessario utilizzare per consentire l’ulteriore scorrimento delle graduatorie del Bando e del primo stralcio del Programma di interesse regionale per l’efficientamento energetico dell’edilizia residenziale pubblica. Gli interventi di edilizia residenziale pubblica tra l’altro risultano essere di veloce realizzazione e, conseguentemente, consentono in tempi brevi e, comunque, entro il 2018, di rendicontare la spesa certificabile”.

“Per questo, e tenendo anche conto dell’importo concedibile per ciascun intervento ammesso a finanziamento con il Bando ed il Programma e delle tempistiche di realizzazione e di rendicontazione degli interventi, abbiamo assegnato al bando pubblico per la concessione di contributi per la realizzazione di interventi di efficientamento energetico degli edifici di proprietà pubblica e destinati ad uso pubblico 3.557.206,57 euro, di cui 1.939.486,70 euro per lo scorrimento della graduatoria per gli interventi di piccole dimensioni; 1.617.719,87 euro per lo scorrimento della graduatoria degli interventi di medio-grandi dimensioni e 2.710.000 euro per il programma di interesse regionale per l’efficientamento energetico dell’edilizia residenziale pubblica”.