Parlami della tua casa e ti dirò chi sei

Quali sono le stanze della casa che ci rappresentano al meglio? Come ragionano gli italiani tra le mura domestiche? Quali sono i lavori su cui si prevede di investire da qui ai prossimi sei mesi? Scopriamo attraverso il nuovo ‘Barometro dei servizi per la casa’ di Instapro.it, la piattaforma che mette in contatto utenti e professionisti del settore, gli ultimi trend di mercato

Che si tratti di condomini o di case indipendenti, gli investimenti in lavori domestici mettono in luce quanto sia importante per gli italiani dedicare le giuste cure e attenzioni al miglioramento, alla ristrutturazione e al mantenimento della propria casa. Dando uno sguardo all’andamento dei primi mesi del 2017, ad esempio, risulta che il 65,24% delle famiglie italiane ha deciso di effettuare lavori di manutenzione, riparazione o migliorie domestiche della casa nel primo trimestre 2017, mentre il 33,85%  nel periodo aprile giugno - dati Barometro dei servizi per la casa.

D'altronde la casa è l’espressione di coloro che la abitano e per riuscire ad ‘esprimersi al meglio’ e ritenersi soddisfatti è anche importante, nel progettarla o rinnovarla, poter dare libero sfogo alla propria creatività. Sono curiosi, a tal proposito, i dati che emergono dal ‘Barometro dei servizi per la casa’, il *sondaggio condotto su di un panel d’età compresa tra i 30 e i 65 anni e con residenza nei maggiori centri urbani d’Italia, che traccia una fotografia peculiare dello scenario attuale stilando la ‘top four’ delle stanze più ‘desiderate’, ovvero di quelle in grado di stimolare al massimo l’estro delle persone.

Di fronte alla domanda ‘Quando programma un intervento di miglioramento in casa dove si esprime al meglio la sua creatività?’, il 40% degli intervistati ha risposto ‘in salotto’, che viene eletto la stanza di rappresentanza per eccellenza, sintomo del fatto che gli italiani lo ritengono, nel loro desiderato, lo spazio ‘simbolo’ dell’accoglienza degli ospiti e della famiglia, attorno a cui ruota tutta la casa.

Mentre al secondo posto troviamo la cucina con il 34%, per il valore che questo spazio ha in termini di convivialità: è di fatto un secondo salotto.  Al terzo posto il bagno (18,55%) e al quarto la camera da letto (8% circa). Quest’ultima, inoltre, si dimostra la stanza a cui gli italiani prestano meno attenzione in assoluto riconoscendole sempre più, anche in caso di visite improvvise da parte di ospiti, il ruolo di nascondiglio perfetto di borse, cappotti o cianfrusaglie varie, ovvero di secondaria importanza.

Qualche differenza esiste poi tra le zone settentrionali e quelle meridionali e del centro Italia, per cui la cucina assume il ruolo di stanza più importante, seguita dal salotto, dal bagno e infine dalla camera da letto, che rimane all’ultimo posto.

La casa dunque è un centro nevralgico importante, fino a diventare ‘specchio’ di chi vi abita. E per trasformarla nella ‘nostra casa ideale’ sono necessari investimenti costanti e di vario genere. Interessante la previsione da qui ai prossimi sei mesi, sempre secondo il Barometro dei servizi per la casa, dei lavori che gli italiani hanno in programma di realizzare. Tra i primi cinque: tinteggiatura, sostituzione e/o manutenzione di infissi e serramenti, lavori di ristrutturazione, di idraulica e di installazione e/o manutenzione di sistemi di antifurto e di videosorveglianza.

Uno sguardo al futuro che pare positivo perché il 41,55% degli italiani stima di spendere, nei prossimi sei mesi, di più di quanto già speso negli ultimi sei per lavori di manutenzione, riparazione o migliorie domestiche di vario genere. Un ottimo aiuto nella scelta del professionista della casa più appropriato a cui affidare la propria casa si conferma la rete: oggi l’88% degli italiani legge le recensioni online, e di questi oltre la metà dichiara che le recensioni lette contribuiscono di fatto a determinare le proprie scelte.

* le risposte del sondaggio sono multiple

 

www.instapro.it