‘Quelli del sì’ fanno fronte comune a Milano

A Milano, alla manifestazione ‘Quelli del sì’ organizzata da Confartigianato si sono riuniti 2.000 piccoli imprenditori arrivati da tutta Italia e hanno lanciato un appello al Governo.

Hanno chiestopolitiche che rimettano in moto lo sviluppo del Paese, partendo dallo sviluppo delle imprese. Il Presidente di Confartigianato, Giorgio Merletti, ha spiegato: “Diamo voce a 4,4 milioni di piccole imprese con 10,8 milioni di addetti. Rappresentiamo il 65% del totale degli occupati delle imprese italiane. Siamo ‘Quelli del sì’ perché vogliamo continuare a creare sviluppo e lavoro, a portare il made in Italy nel mondo. I nostri ‘sì’ sono altrettanti incitamenti al Governo a realizzare le condizioni per la crescita del Paese, a cominciare dalle infrastrutture fisiche e immateriali”.

Nel corso della manifestazione, si sono succedute le testimonianze dei Presidenti di Confartigianato Piemonte, Giorgio Felici, di Confartigianato Lombardia, Eugenio Massetti, di Confartigianato Veneto, Agostino Bonomo, di Confartigianato Emilia Romagna, Marco Granelli, di Confartigianato Puglia, Francesco Sgherza e di Confartigianato Sicilia, Giuseppe Pezzati, che hanno fatto il punto su otto opere-simbolo: nuovo collegamento ferroviario Transalpino Torino-Lione, Galleria di base del Brennero, Pedemontana Lombarda, Pedemontana Veneta, Terzo valico dei Giovi, Sistema stradario in Sicilia e linea Alta Velocità - Alta Capacità Napoli-Bari e il Passante autostradale nord Bologna.

Alla manifestazione Confartigianato ha presentato il rapporto realizzato dall’Ufficio studi ‘La caduta’ con gli spread di investimenti pubblici e infrastrutture.