Ecco i modelli per gli studi di settore 2017

L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento 31 gennaio 2018 ha approvato 193 modelli utili per la comunicazione dei dati rilevanti l’applicazione e gli studi di settore da utilizzare per il periodo d’imposta 2017.

I nuovi modelli studi di settore 2018 e le relative istruzioni per la compilazione dei dati sono on line sul sito dell’Agenzia delle Entrate e si aggiungono ai parametri e ai modelli Redditi 2018.

La dichiarazione dei redditi 2017, effettuata nel 2018, sarà l’ultima basata sugli studi di settore. Dal 2019, come previsto dalla legge di bilancio 2018 n.2015/2017 si introdurranno i nuovi indici sintetici di affidabilità fiscale.

Gli indici di affidabilità fiscale(ISA) sono stati introdotti con l’obiettivo di semplificare le procedure per la dichiarazione dei dati. I nuovi modelli, difatti, hanno una struttura più funzionale e non richiedono la dichiarazione di informazioni superflue.

Fino ad ora, con gli studi di settore sono stati presi in considerazione i presunti ricavi e compensi dei contribuenti. Mentre gli ISA consentiranno di valutare tutta la storia del contribuente.
Dopo l’analisi delle informazioni inserite nei modelli di dichiarazione ogni contribuente otterrà unindice sintetico di affidabilità da 1 a 10.