Efficienza del patrimonio edilizio: online il portale 4E

È online il portale 4E dedicato all’efficienza energetica degli edifici esistenti, che intende supportare proprietari, progettisti, operatori, investitori e pianificatori nelle azioni e nelle decisioni relative al recupero energetico.

Realizzato dall’ENEA nell’ambito del progetto europeo Request2Action, il portale contiene informazioni su metodologie, software e politiche nazionali nel settore. Due gli strumenti portanti:

- Il test interattivo 4ECAsa, che permette a tutti di confrontare con pochi click i consumi della propria abitazione con quelli di un edificio di recente costruzione, con le medesime caratteristiche e ubicato nella stessa località, ma edificato con criteri di efficienza energetica. Il test suggerisce inoltre i passi da compiere per rendere l’abitazione più efficiente nel rispetto dell’ambiente. Attraverso la registrazione, il cittadino contribuirà a fornire a ENEA dati utili sui consumi reali e riceverà una sintesi qualitativa del potenziale risparmio energetico e economico in virtù dei lavori di riqualificazione ipotizzati.

- Il sistema DIPENDE (Database Integrato per la Pianificazione ENergetica dei Distretti Edilizi), che consente di accedere con facilità ai dati del patrimonio edilizio residenziale locale e regionale. L’applicazione è dotata di una visualizzazione georeferenziata per la Lombardia, consentendo analisi innovative rispetto agli usi abituali del catasto degli attestati di prestazione energetica (APE). Attualmente contiene oltre 100mila dati geografici e sociali dei 1.500 comuni lombardi riguardanti tipologie e componenti edilizie, impianti termici, certificazioni energetiche e incentivi per il recupero energetico.

Il portale sarà continuamente aggiornato, anche grazie ai contributi delle organizzazioni e dei soggetti che vorranno unirsi al Network4e e hanno già sostenuto l’iniziativa federazioni di settore come FINCO”, spiega la ricercatrice ENEA Ezilda Costanzo, coordinatrice per l’Italia del progetto REQUEST2ACTION.

Il portale 4E e gli altri strumenti sul recupero edilizio, realizzati anche in Grecia, Belgio, Portogallo, Scozia e Austria grazie al progetto REQUEST2ACTION, sono stati presentati in una videoconferenza internazionale.