Consolidamento fondamenta di un condominio con pali precaricati

In questo caso studio parliamo del recupero di un condominio sito in provincia di Torino che è stato consolidato recentemente grazie alle tecnologie a bassa invasività proposte da SYStab.

IL DISSESTO

Il condominio in oggetto era da anni interessato da cedimenti differenziali di un’ala del fabbricato. Tale ala della struttura risulta essere l’unica senza piano interrato e quindi quella con il piano di imposta più superficiale. Il fenomeno di dissesto era iniziato subito dopo la costruzione determinando fessurazioni sia su alcuni tramezzi interni che sulle pareti esterne, evidenti in particolare sui rivestimenti in muratura. I Tecnici della Committenza hanno disposto vari fessurimetri e monitorato il dissesto che è risultato essere in continua evoluzione, in maniera molto lenta ma progressiva.  

LE OPERE CONSOLIDAMENTO

Tecnicamente l’intervento ritenuto più corretto è stato quello di spostare i carichi in della struttura in profondità anche per l’ala del condominio sprovvista del piano interrato. Ciò però necessitava di operare dall’interno visto che la struttura confina con un edifico di altra proprietà proprio sul lato più interessato dal cedimento.

La Committenza ha optato per i pali precaricati di SYStab in quanto consentivano di operare internamente dal piano terra con attrezzature dall’ingombro ridotto ed inoltre avrebbero consentito l’esecuzione della palificazione in tempi molto rapidi.

La realizzazione dei 12 micropali di diametro 114 mm, è avvenuta mediante scavo e demolizione localizzata del solaio posto a livello del piano terreno, carotaggio della fondazione esistente e fissaggio delle piastre alla trave di fondazione, dopodichè utilizzando degli speciali martinetti idraulici sono stati infissi i pali modulari sfruttando il carico offerto dalla struttura stessa come contrasto. L’infissione è avvenuta senza produrre materiale di risulta né vibrazioni dannose per la struttura e per il palazzo confinante. I pali sono stati approfonditi fino alla lunghezza media di 6 metri, livello di terreno al quale hanno raggiunto le pressioni di progetto e sono stati fissati alla fondazione mediante le piastre in acciaio ad essi dedicate.

La tecnica proposta da SYStab è alternativa alle tradizionali metodologie di palificazione ed ha permesso in questo caso di ottenere la sicurezza offerta dai micropali ma con una serie di vantaggi quali:

  • tempi di esecuzione estremamente rapidi (3 giorni)
  • nessuna produzione di materiale di risulta e scavi ridotti all'essenziale
  • nessuna vibrazione dannosa
  • la portata di ogni singolo micropalo è stata collaudata ed inoltre è stata eseguita 1 prova di carico secondo normativa vigente
  • è stato eseguito un precarico per l’annullamento dei cedimenti primari, su ogni singolo micropalo
  • se la struttura lo consente, è possibile il recupero di cedimenti importanti e il sollevamento delle fondazioni.

Lavoro eseguito nel febbraio 2018 - Committente Privato

Per maggiori informazioni: www.systab.it.