1. Home
  2. Notizie e Mercato
  3. Ecco dove servirebbe uno “choc fiscale positivo”

Ecco dove servirebbe uno “choc fiscale positivo”

Edilizia di
Ecco dove servirebbe uno “choc fiscale positivo”
0/5
votato da 0 persone
I settori in cui servirebbe una scossa sul fronte delle tasse sono numerosi, ma Giorgio Spaziani Testa, presidente di Confedilizia, non ha dubbi nell’indicarne uno in particolare

Il vicepremier Matteo Salvini, inequivocabile vincitore delle elezioni europee, ha annunciato di avere tra le sue priorità uno “choc fiscale positivo”. I settori in cui servirebbe una scossa sul fronte delle tasse sono numerosi, ma Confedilizia non ha dubbi nell’indicarne uno: l’immobiliare.

Le ragioni di Confedilizia

A spiegare quanto sia necessario un intervento nel settore ci pensa Giorgio Spaziani Testa, presidente della Confederazione italiana della proprietà edilizia: “La spropositata patrimoniale introdotta con la manovra Monti continua a distruggere risparmio, imprese, lavoro, consumi. Al vicepremier Salvini chiediamo di impegnarsi ad almeno ridurla. Sarebbe un passo deciso verso la crescita e lo sviluppo, oltre che una indispensabile misura di equità”.