In Sardegna prende il via il Programma Orizzonte Fari

La valorizzazione dei fari e degli edifici costieri in Sardegna, e il recupero di altri beni pubblici lungo i percorsi ciclopedonali ed i cammini religiosi, sono al centro dell’accordo di collaborazione presentato a Cagliari a Villa Devoto dal Direttore dell’Agenzia del Demanio Roberto Reggi, dal Presidente della Regione Francesco Pigliaru e dall' Assessore EE.L.L. Cristiano Erriu.

Prende cosí il via il Programma Orizzonte Fari, che ispirandosi al progetto nazionale “Valore Paese-Fari” promosso dall’Agenzia, punta alla riqualificazione di dieci strutture costiere, nove regionali e una statale. L’obiettivo è quello di dare nuova vita a questi suggestivi beni attraverso un progetto imprenditoriale innovativo e sostenibile, capace di salvaguardare il patrimonio pubblico, tutelare l’ambiente e incentivare lo sviluppo economico locale.

“La condivisione del programma Orizzonte Fari - ha dichiarato Roberto Reggi - conferma la volontà comune di voler rafforzare una gestione integrata del patrimonio immobiliare pubblico. L’Agenzia già ha ottenuto ottimi risultati con il progetto nazionale Valore Paese-Fari, infatti in soli due anni sono stati assegnati ben 24 edifici costieri e la settimana prossima presenteremo il nuovo bando con nuovi beni distribuiti in tutta Italia. Siamo orgogliosi di ampliare questa rete mettendo a disposizione il nostro Know-how per creare un dialogo aperto e diretto con il territorio. La Sardegna rappresenta già uno dei circuiti turistici più esclusivi del nostro Paese e grazie alla riqualificazione di queste strutture costiere e di altri beni situati lungo percorsi ciclopedonali e itinerari storico-religiosi, inseriti nel progetto Cammini e Percorsi, sarà possibile attrarre ulteriori investitori nazionali ed internazionali”.