Istat: persiste la stabilità dei prezzi delle abitazioni

Secondo le stime preliminari, nel II trimestre 2017, l’IPAB (indice dei prezzi delle abitazioni) cresce dello 0,3% rispetto al I trimestre e cala dello 0,1% nei confronti dello stesso periodo del 2016 (era -0,2% nel trimestre precedente).

La lieve flessione tendenziale dell'IPAB è dovuta esclusivamente ai prezzi delle abitazioni esistenti, la cui variazione torna ad essere negativa (-0,3%, dopo essere risultata nulla nel trimestre precedente). I prezzi delle abitazioni nuove, invece, registrano una variazione positiva pari a +0,1%.

Questa dinamica conferma la persistenza di una fase di sostanziale stabilità dei prezzi delle abitazioni, successiva al notevole calo registrato tra il 2012 e il 2016. Ciò avviene in presenza di una crescita del numero degli immobili residenziali compravenduti (+3,8% rispetto al secondo trimestre del 2016, in base ai dati dell'Osservatorio del Mercato Immobiliare dell'Agenzia delle Entrate), ininterrotta dal secondo trimestre 2015, ma che si riduce di ampiezza per il quarto trimestre consecutivo dopo il picco di +23,2% del primo trimestre 2016.

Su base congiunturale il rialzo dell'IPAB è dovuto all'aumento dei prezzi sia delle abitazioni nuove (+0,3%) sia delle abitazioni esistenti (+0,2%).

In media, nel primo semestre del 2017, rispetto allo stesso periodo del 2016, i prezzi delle abitazioni diminuiscono dello 0,2%, sintesi di un calo dello 0,3% per quelle nuove (il cui peso sull'indice generale è poco più di un quinto) e dello 0,2% per quelle esistenti.

Il tasso di variazione acquisito dell'IPAB per il 2017 risulta pari a -0,1%.