1. Home
  2. Notizie e Mercato
  3. Come costruire reti per la mobilità dolce?

Come costruire reti per la mobilità dolce?

Spazio urbano di
Come costruire reti per la mobilità dolce?
0/5
votato da 0 persone
Trovare soluzioni è la mission del gruppo di lavoro promosso dall’Istituto Nazionale di Urbanistica “Reti per la mobilità dolce”, che si è dotato di un programma triennale

La mobilità dolce è un tema centrale nell’ambito urbanistico e territoriale. Muoversi a piedi, in bici, a cavallo o in barca a vela dev’essere possibile e dev’essere anche incentivato. Trovare soluzioni è la mission del gruppo di lavoro promosso dall’Istituto Nazionale di Urbanistica “Reti per la mobilità dolce”, che si è dotato di un programma triennale e che sarà coordinato da Iginio Rossi e Francesco Sbetti. Il progetto nasce dalla consapevolezza del possibile salto di qualità che i progetti di mobilità dolce hanno se integrati con il sistema generale della mobilità e con quello della pianificazione urbanistica e territoriale.

Qual è l’attività del gruppo di lavoro?

Il gruppo di lavoro, che punta all’allargamento attraverso la collaborazione con importanti enti (ne fanno già parte FIAB-Comuni Ciclabili, Touring Club Italiano, le università di Chieti-Pescara, di Cagliari, il Politecnico di Milano, l’AIAPP) e che sta operando  attraverso la raccolta di buone pratiche (sono state finora individuate oltre 40 esperienze localizzate nel Paese), prevede l’organizzazione di incontri e occasioni di confronto, il monitoraggio dell’applicazione di leggi e interventi di rango nazionale e locale. Già nel programma, che detta le linee di indirizzo fino al 2021, si indicano le prospettive di lavoro che consistono nel lavorare nella proposta alle istituzioni e ai decisori per migliorare, nel sistema della mobilità dolce, la pianificazione delle Regioni, che hanno un ruolo strategico fondamentale, l’integrazione con gli interventi che riguardano anche altri settori (come ad esempio la cultura e il turismo), la programmazione, la costruzione di standard attinenti, la gestione delle reti e la formazione degli operatori.

Martedì 22 maggio s’è svolta una riunione del Tavolo tecnico, nell’ambito del progetto CReIAMO PA del Ministero dell’Ambiente, incentrata sul programma che destina ai Comuni con popolazione non inferiore a 50.000 abitanti i contributi del Programma di incentivazione della mobilità urbana sostenibile (PrIMUS) predisposto con DM 21.12.2018 dalla Direzione Generale per il Clima e l’Energia del Ministero dell’Ambiente. I bandi, che scadranno ai primi di giugno 2019, riguardano nuove piste ciclabili, la sharing mobility in ambito urbano e le attività di mobility management, tutto ciò realizzato con un apposito Progetto Operativo di Dettaglio.

Poi, il 30 maggio, al Dipartimento di Architettura di Roma Tre (ex Mattatoio), nel corso dell’evento conclusivo della quinta edizione della Biennale dello spazio pubblico, un workshop metterà a confronto i progetti inerenti la mobilità dolce e l’accessibilità a 360 gradi. Sarà organizzato assieme al programma di lavoro dell’Inu “Città accessibili a tutti”, illustrato nella piattaforma atlantecittaccessibili.inu.it, e costituirà uno snodo importante del metodo e del percorso del gruppo di lavoro “Reti per la mobilità dolce”.