1. Home
  2. Notizie e Mercato
  3. Tempo di bilanci dopo la 41esima edizione di MCE

Tempo di bilanci dopo la 41esima edizione di MCE

Impianti idrici, clima di
Tempo di bilanci dopo la 41esima edizione di MCE
0/5
votato da 0 persone
L’efficienza energetica la leva del successo della 41^ edizione della fiera leader mondiale nell’impiantistica civile e industriale, nella climatizzazione e nelle energie rinnovabili

Un trend positivo con numeri in crescita per la 41^ edizione di MCE - MOSTRA CONVEGNO EXPOCOMFORT, la manifestazione leader mondiale nell’impiantistica civile e industriale, nella climatizzazione e nelle energie rinnovabili che si è svolta dal 13 al 16 marzo 2018 in Fiera Milano, per la prima volta in concomitanza con BIE - BIOMASS INNOVATION EXPO. Un parterre espositivo di oltre 2.400 aziende di cui il 51% estere da 54 paesi, che hanno accolto oltre 162.000 operatori professionali da tutto il mondo.

Entrando nello specifico, sono stati 120.814 gli operatori del nostro paese (+4% rispetto al 2016), con un incremento delle presenze dal Nord e dal Sud d’Italia, a conferma di una ripresa generale del mercato interno, guidata soprattutto dagli investimenti in efficienza energetica per il comfort che per il 2018, secondo i dati di ANIMA Confindustria Meccanica, dovrebbero continuare a crescere e toccare quota 11 miliardi di euro con un incremento pari al +2,8% rispetto al 2017. Naturalmente, MCE - MOSTRA CONVEGNO EXPOCOMFORT continua ad ampliare la sua valenza internazionale, sono stati 41.351 gli operatori esteri che hanno visitato la manifestazione, pari ad +5,6% rispetto al 2016, con un incremento particolare dall’India, Paese Ospite di questa edizione, dall’area Asiatica (Cina, Turchia, Corea del Sud), dal Medio Oriente (Giordania, Arabia Saudita, Siria e Palestina); importante l’incremento dalle Americhe (non solo da Usa e Canada, ma anche da Argentina e Uruguay). Sempre significativa la presenza europea con un trend positivo in particolare da Polonia, Romania, Russia e Croazia.

Numerose le categorie di operatori rappresentate, fra le quali spicca, accanto a quelle tradizionali della Installazione e Manutenzione (33%) e dei Buyer (38,3%), la crescita dei progettisti e degli operatori del mondo dell‘installazione elettrica e dell’Home & Building Automation (1,2%), che hanno potuto scoprire dal vivo le numerosissime novità che le aziende espositrici hanno deciso di presentare proprio durante MCE.

Siamo molto soddisfatti del risultato di questa edizione - dichiara Massimiliano Pierini, Managing Director di Reed Exhibitions Italia - sia naturalmente per l’incremento di espositori e visitatori, ma anche per il clima vivace e dinamico che si respirava tra gli stand durante i quattro giorni della manifestazione. MCE 2018 è riuscita, ancora una volta, a presentare in modo completo e approfondito tutto ciò che rientra nell’innovazione per la progettazione del massimo comfort, in tutte le stagioni e con il minor dispendio energetico, un requisito oramai fondamentale per una buona progettazione dell’ambiente costruito e sempre più strategico in termini di nuove opportunità di business".

Due le parole chiave che sintetizzano l’ampia vetrina merceologica di MCE 2018: IoT e integrazione. Fra prodotti e soluzioni, fra tecnologie, fra sistemi e servizi, fra fonti energetiche tradizionali e rinnovabili per una progettazione del comfort in grado di ottimizzare il consumo energetico, migliorare la qualità dell'aria e rispettare l’ambiente. Una vetrina espositiva che ben racconta il cambiamento che l’Internet of Things sta portando nel settore dell’impiantistica per contribuire a una gestione intelligente dell'energia non più solo in un edificio ma anche in un distretto e in una città. Un’evoluzione che sta ridisegnando anche la qualificazione professionale per molte delle categorie di operatori coinvolti nella progettazione: aziende, studi di progettazione, mondo dell'installazione e della manutenzione alla ricerca di occasioni di formazione e informazione.