Guida Caldaia a condensazione

Caldaia a Condensazione: Cos'è e come funziona?

4.3/5
votato da 6 persone

Le caldaie hanno lo scopo di produrre acqua calda che, immessa all'interno degli impianti di riscaldamento, è in grado di offrire calore e riscaldare gli ambienti. Le caldaie a condensazione utilizzano degli impianti realizzati con materiali altamente resistenti, come l'acciaio inox. Questo perché, l'acidità delle condense, che è caratterizzata da un Ph pari o superiore a 4.5, potrebbe corrodere le tubature degli impianti tradizionali.

L'acqua che viene immessa all'interno della caldaia a condensazione viene riscaldata tramite un bruciatore a premiscelazione. Questo tipo di sistema favorisce una minore emissione di NOx (Monossido di carbonio) e aumenta l'effcienza della caldaia. I fumi di scarico che vengono prodotti da questo tipo di caldaie non sfruttano il tiraggio del camino, come per i sistemi tradizionali, ma sono espulsi grazie alla presenza di un ventilatore situato nella parte alta del bruciatore.

Le canne fumaria che caratterizzano questo tipo di impianto sono generalmente prodotte utilizzando materiali come l'acciaio inox, il propilene o uno speciale tipo di alluminio. Oltre alla canna fumaria, le caldaie a condensazione sono dotate di un tubo di scarico che neutralizza la condensa prodotta. Essa viene scaricata all'interno di un pozzetto di raccolta.

Vaillant: Caldaia murale a condensazione ecoTEC pro VMW +. Maggiori informazioni? Clicca immagine

Come funziona la caldaia a condensazione?

Le caldaie a condensazione, che utilizzano il gas per svolgere la loro funzione, sfruttano il calore generato dalla combustione per scaldare l'acqua calda che poi verrà utilizzata per il riscaldamento o come acqua calda sanitaria. Questo tipo di tecnologia evita la dispersione di calore che, nelle normali caldaie, avviene quando i fumi di scarico vengono espulsi.

Per questo motivo si parla di condensazione, perché grazie a questo principio è possibile utilizzare il calore contenuto nei fumi e nel vapore acqueo che diventa, così, energia da immettere nel circuito di riscaldamento. Affinché tutto ciò sia possibile, è necessario che il vapore acqueo condensi e questo fenomeno si verifica quando la temperatura dell'acqua non supera i 56ºC.

La caldaia a condensazione raffredda il vapore grazie ad uno scambio termico e, grazie a questo rprocesso, è possibile ottenere l'energia necessaria per preriscaldare l'acqua fredda.
A questo punto, l'acqua preriscaldata con l'energia ottenuta dal processo di condensazione, può essere riscaldata definitivamente raggiungendo la temperatura impostata. Questo procedimento favorisce la produzione delle cosiddette acque reflue che devono essere scaricate e dal momento che il loro valore di acidità è davvero basso, esse possono essere smaltitine, nel rispetto dell'ambiente, senza dover essere prima neutralizzate.

Vaillant ecoBLOCK plus - La miglior caldaia a condensazione murale sul mercato europeo

Ricevi preventivi gratuiti e risparmia fino al 50%

Se cerchi il Prezzo migliore, chiedi a GuidaEdilizia, il network italiano per l'edilizia con il maggior numero di visite e presente sul mercato da oltre 15 anni. Affidati a noi! Oltre 10.000 persone lo hanno già fatto.  Compila gratuitamente e senza impegno il modulo e riceverai dai nostri Partner selezionati i preventivi più vantaggiosi.

I miei dati personali