Guida Geotermia

Geotermia: Tipologie di impianti e vantaggi

4.6/5
votato da 8 persone

A prescindere dal tipo di sistema geotermico che si decide d'installare, c'è una cosa che li accomuna tutti: l'impianto geotermico per poter funzionare, ha bisogno comunque di energia elettrica. Tuttavia, un sistema geotermico che sfrutta l'energia elettrica, consuma comunque il 50% in meno rispetto ai sistemi di riscaldamento tradizionali, con produzioni di livelli di CO2 nettamente inferiori. La scelta di un impianto geotermico è sicuramente più idonea se si vuole avere un impatto inferiore sull'ambiente.

Per chi vuole invece rendere totalmente indipendente la propria casa dal punto di vista di produzione di energia elettrica e calore, la combinazione migliore che dia il massimo risultato e il maggior recupero della spesa nel tempo è l'uso di una pompa di calore geotermica che lavori in parallelo con un impianto fotovoltaico. Quest'ultimo si occupa della produzione di energia elettrica per tutta la casa, compreso il funzionamento della pompa di calore geotermica, mentre questa si occupa della produzione di calore per gli ambienti. Questo è uno dei primi vantaggi, ossia il recupero dell'investimento iniziale, infatti, producendo in maniera autonoma energia elettrica e termica, non ci sono spese successive all'installazione, per il pagamento di bollette o fatture di società di energia elettrica e termica, ma solo quelle di gestione distribuite in tempi lunghissimi.

Gestione a costo zero e semplicità di funzionamento: i vantaggi della geotermia

Un altro vantaggio che deriva dall'uso di una pompa di calore geotermica è la sicurezza. Questa infatti non funziona tramite combustione di gas, carburante liquido o biocarburante, quindi non prevede fiamme che possano generare incendi. Il comfort è un aspetto molto importante, dato dall'estrema silenziosità dei ventilatori e del resto dell'intero impianto, a differenza di altri sistemi che prevedono un corpo motore a ventole, come i condizionatori, i quali spesso risultano molto rumorosi. Il vantaggio economico non riguarda solo il recupero della spesa nel tempo, ma anche le spese di gestione: un impianto di riscaldamento geotermico infatti richiede opere di manutenzione minime attuabili anche dell'utente stesso a costo zero.

Geotermia: quattro tipologie di impianto per sfruttare il calore del sottosuolo

Questi sistemi, sfruttando il principio della geotermia, cioè la produzione naturale di calore nel sottosuolo, si possono suddividere in quattro categorie principali:

  • sistema geotermico ad alta temperatura. Tramite lo sfruttamento di acqua calda termale e vapore che superano temperature di 180 gradi, oltre a fornire calore per il riscaldamento con appositi regolatori di temperatura, si può anche produrre energia elettrica;
  • sistema geotermico a media temperatura. L'acqua e il vapore impiegati per questo sistema hanno temperature comprese tra i 100 e i 180 gradi. il sistema viene utilizzato per la produzione di calore ed energia elettrica, ma interponendo un fluido intermedio per regolare la temperatura;
  • sistema geotermico a bassa temperatura. In questi sistemi viene sfruttata solo acqua calda a basse temperature comprese tra 30 e 100 gradi. Questo tipo d'impianto viene sfruttato a livello industriale o termale;
  • sistema geotermico a bassissima temperatura. Questo sistema prevede lo sfruttamento di acqua con temperature inferiori a 30 gradi e viene impiegato per il riscaldamento di ambienti domestici o la produzione di acqua sanitaria calda, nonché per la climatizzazione estiva dei locali.

Un modello di sistema geotermico non prevede solo l'installazione di una pompa di calore. Questa infatti è solo uno strumento che serve a mettere in circolo la CO2 o il liquido termo-conduttore per il trasporto della temperatura nelle varie zone della casa. Questo compito può essere anche svolto da un sistema di VMC (ventilazione meccanica controllata) che tramite lo sfruttamento di ventilatori che distribuiscono l'aria all'interno di due canali separati (aria calda e aria fredda) e miscelandoli all'interno di uno scambiatore di calore, può produrre aria fredda o calda per l'ambiente, o acqua sanitaria calda.

Ricevi preventivi gratuiti e risparmia fino al 50%

Se cerchi il Prezzo migliore, chiedi a GuidaEdilizia, il network italiano per l'edilizia con il maggior numero di visite e presente sul mercato da oltre 15 anni. Affidati a noi! Oltre 10.000 persone lo hanno già fatto.  Compila gratuitamente e senza impegno il modulo e riceverai dai nostri Partner selezionati i preventivi più vantaggiosi.

I miei dati personali